Stadi di Londra

stadio-emirates

L’Inghilterra è considerata come la patria del calcio, paese in cui lo sport più amato del mondo fonda le sue radici.

La prima squadra ad essere creata ufficialmente fu il Cambridge, team nato nel 1855. Otto anni più tardi, le principali squadre inglesi, poco più di dieci, si riunirono per dare via alla prima federazione calcistica di ogni tempo, la Football Association, meglio nota con la sigla ‘FA’.

La neonata federazione stabilì le prime fondamentali regole del gioco, tra cui l’impossibilità di giocare la palla con le mani, distinguendo con precisione il calcio dal rugby. Nel 1872 fu istituita la prima competizione calcistica ufficiale, la FA Cup, tutt’ora giocata e assai ambita, la quale si disputa a partire dal 1923 nello londinese di Wembley.

Le prime dieci edizioni della FA Cup furono giocate esclusivamente dai club dilettantistici e l’ammissione dei team professionistici avvenne soltanto nel 1883, anno in cui trionfò il Blackburn Olympic. Nel 1888 fu istituita la Football League, seconda federazione calcistica inglese, la quale introdusse il primo campionato ufficiale nello stesso anno.

La Football League fu sostituita nel 1992 dalla Premier League, in seguito a un’importante scissione legata alla vendita dei diritti televisivi. Dal 1888 in poi sono stati disputati 114 campionati inglesi di massima serie, partendo con una formula ad appena 12 squadre e che oggi vede 20 team contendersi il titolo della Premier League.

Il club con il più alto numero di partecipazioni al massimo campionato inglese è l’Everton, con 111 tornei disputati, seguito dall’Aston Villa a quota 103 e dal Liverpool a 99. Il team più vittorioso è il Manchester United, con 20 titoli in bacheca, al quale fanno compagnia sul podio il Liverpool con 18 successi e il team londinese dell’Arsenal con 13 vittorie. A livello individuale, il calciatore con più presenze in assoluto è Peter Shilton, con 1005 apparizioni dal 1966 al 1997, mentre per quanto riguarda la sola prima serie, il giocatore sceso più volte in campo è Ryan Giggs, con un totale di 672 partite disputate tra il 1991 e il 2014.

E se Reuben Noble-Lazarus è il più giovane calciatore a esordire in campionato, ad appena 15 anni di età, Neil McBain è il più anziano giocatore di ogni tempo, la cui ultima partita fu disputata nel 1947, alla veneranda età di 51 anni.

A livello realizzativo, il miglior goleador di ogni epoca, considerando tutte le competizioni, è Arthur Rowley, capace di segnare 434 gol tra il 1946 e il 1965. Jommy Greaves, con 357 gol dal 1957 al 1971, si impone invece come il calciatore ad aver segnato più reti nella massima serie del campionato inglese.

Per quanto riguarda la nazionale, l’inghilterra esordì nel 1872 in un match contro la Scozia. Il più importante successo delle selezione inglese è la vittoria del Campionato Mondiale nel 1966, disputato nel Regno Unito.

Wembley Stadium

Wembley è lo stadio per eccellenza del calcio inglese, quello in cui si disputano, a partire dalla sua costruzione, gli incontri della Nazionale di calcio e in cui si giocano le finali di FA Cup, di League Cup e del Community Shield.

La storia del Wembley Stadium, il quale sorge nell’omonimo sobborgo di Londra, è divisa in due parti. La prima parte riguarda il vecchio stadio, costruito nel 1923 e rappresentato dalle due leggendarie torri gemelle, uno dei simboli del calcio inglese, le quali si imponevano grazie a un’altezza di ben 38 metri. Il primo Wembley Stadium, nel corso degli anni, ha raggiunto la capienza massima di 126 mila posti ed è stato chiuso nel 2000 e abbattuto nel 2003, per consentire gli inizi dei lavori per il nuovo stadio.

La seconda parte riguarda, naturalmente, il nuovo Wembley Stadium, struttura funzionale, moderna e con una capacità di 90 mila posti a sedere. A livello visivo, lo stadio mostra un gigantesco arco d’acciaio costruito sopra la tribuna centrale, lungo ben 315 metri e alto 133, il quale sovrasta la città di Londra.

Emirates Stadium

L’Emirates Stadium è uno stadio calcistico di Londra, inaugurato nel 2006 e capace di ospitare un totale di 60 mila spettatori, dotato esclusivamente di posti a sedere e al coperto.

L’Emirates, che sorge nel quartiere di Ashburton Grove, è l’impianto in cui vengono disputate le partite casalinghe della squadra londinese dell’Arsenal, che prima dell’inaugurazine della nuova struttura giocava nel leggendario Highbury.L’Emirates è molto più di un semplice stadio, rappresentando a tutti gli effetti la casa dell’Arsenal. Al suo interno sono infatti ospitati tutti i trofei conquistati dai ‘gunners’ nella loro lunga storia ed è presente una sala dedicata ai più grandi calciatori che hanno vestito la maglia del prestigioso club inglese.

Per consentire ai tifosi il massimo dell’intrattenimento, oltre a quello calcistico, l’Emirates dispone di un bar, di un ristorante e di un’area shopping, la quale include un negozio in cui è possibile acquistare il merchandising ufficiale dell’Arsenal. Presso l’Emirates Stadium vengono spesso disputate le partite amichevoli della nazionale di calcio del Brasile, in virtù di un’accordo stipulato con la Federazione Brasiliana.

White Hart Lane

Il White Hart Lane è uno stadio fondato a Londra nel 1899 e nel quale si giocano gli incontri casalinghi del Tottenham Hotspur, club calcistico che prende il nome dall’omonimo quartiere situato nella parte settentrionale londinese. Lo stadio conta attualmente 36 mila posti a sedere, ma la sua capienza massima è stata di ben 75 mila persone. Con l’introduzione delle nuove regole per garantire la sicurezza all’interno degli stadi, la capacità dello stadio fu notevolmente ridotta.

La struttura è stata costantemente rinnovata nel corso degli anni: gli ultimi lavori significativi furono portati a termine durante i primi anni Novanta, con l’installazione di due maschi schermi nella parte superiore delle tribune Nord e Sud. Il White Hart Lane è stato sporadicamente utilizzato per la disputa di alcuni match della nazionale inglese di calcio nel periodo in cui Wembley fu sottoposto ai lavori di ricostruzione. Lo stadio è facilmente raggiungibile tramite la metropolitana di Londra ed è munito di un cospicuo numero di parcheggi custoditi.

Stamford Bridge

Lo Stamford Bridge è lo stadio in cui vengono disputate le partite casalinghe del Chelsea. L’impianto sportivo, il quale sorge a Londra nel quartiere di Fulham, al confine con il quartiere di Chelsea, è stato inagurato nel 1877 e, nella versione attuale, può ospitare fino a 41 mila spettatori. Lo stadio è stato oggetto di numerose ristrutturazioni nel corso della storia. Una delle più importanti avvenne negli anni Settanta, in cui gli ambiziosi lavori di restauro portarono quasi al fallimento lo storico club britannico, costretto a vendere i sui migliori calciatori e il terrreno in cui sorge lo stadio, riacquistato dalla proprietà del team solo nel 1992.

Dopo la ristrutturazione avvenuta degli anni Novanta e con gli importanti lavori condotti dal presidente Abramovic, lo stadio è stato reso più moderno e vivibile. All’interno dello Stamford Bridge è presente il museo della squadra, con annessa un’area dedicata allo shopping, alla ristorazione e al benessere. Lo stadio è situato nelle vicinanze della stazione ‘Fulham’ della metropolitana londinese ed è servito da un buon numero di parcheggi sotterranei.

Craven Cottage

A poca distanza dallo Stamford Bridge è presente un altro importante stadio di Londra: il Craven Cottage. La struttura, in funzione dal 1896, ospita le partite interne del Fulham, squadra dell’omonimo quartiere londinese. Il nome dello stadio è dedicato al barone William Craven, il quale nel Settecento fece costruire un suo cottage privato proprio nell’area dove successivamente sarebbe stato edificato l’impianto. Nel 2001, con la promozione del Fulham in Premier League, sorse un problema legato alla struttura, la quale non risultava essere in regola con le norme introdotte nel 1989, stagione in cui la squadra londinese militava nelle serie inferiori.

Per adattare l’impianto alle norme vigenti, il Fulham fu costretto a giocare al Loftus Road, stadio del QPR, fino al 2004, anno in cui furono terminati i lavori di ristrutturazione del Craven Cottage, stadio che risulta essere uno dei più piccoli della Premier League con i suoi appena 25 mila posti, ma che è considerato tra i migliori per quanto riguarda l’aspetto estetico. All’interno del Craven Cottage si disputano anche altri eventi sportivi.

Upton Park

L’Upton Park, ufficialmente denominato Boleyn Ground, è lo stadio calcistico in cui vengono disputate le partite casalinghe del West Ham, club che rappresenta la periferia est di Londra. Il massimo numero di spettatori presenti all’interno dell’Upton Park è stato di 42 mila persone, record stabilito nel 1970. Attualmente lo stadio ha una capacità di circa 36 mila posti a sedere, divisi in quattro tribune separate tra loro, la più grande delle quali è la Tribuna Ovest, contenente ben 15 mila persone, quasi la metà dell’intero stadio e che si impone come la più capiente tribuna tra tutti gli impianti calcistici di Londra presenti in Premier League.

La storia del nome originale dello stadio, Boleyn Ground, è paragonabile a quella del Craven Cottage. Il Boleyn Castle era, infatti, un importante castello che sorgeva nel quartiere di Upton Park, autentico simbolo della zona londinese e, ancora oggi, raffigurato nello stemma del West Ham. Lo stadio è raggiungibile con la metropolitana, scendendo alla fermata Upton Park.

Twickenham Stadium

Il Twickenham Stadium è l’impianto sportivo londinese dedicato al rugby, il quale ospita tutte le partite casalinghe della nazionale inglese e al cui interno è collocata la federazione. Si tratta del secondo stadio più grande del Regno Unito, grazie a una capienza di 82 mila posti a sedere. La struttura è stata inaugurata nel 1909 e, nel corso degli anni, ha subito una serie di importanti ampliamenti, l’ultimo dei quali è avvenuto nel 2005.

La ristrutturazione non si è limitata a un incremento di posti, ma ha reso lo stadio più completo e funzionale, con l’introduzione di un hotel a quattro stelle con 156 stanze disponibili, tra cui spiccano sei suite con vista sul campo. Oltre alla struttura alberghiera, sono stati realizzati un ristorante, un teatro, un’area shopping, un centro benessere e un museo che celebra la storia del rugby. Oltre agli eventi sportivi, il Twickenham Stadium ospita alcuni tra i più importanti concerti del Regno Unito. L’impianto è situato nel quartiere di Richmond upon Thames e per raggiungerlo è sufficiente scendere alla fermata di Richmond, la quale si trova a pochi passi dallo stadio.

Wimbledon

Wimbledon è la sede del più prestigioso e antico torneo internazionale di tennis, l’unico facente parte degli ‘Slam’ a essere disputato sull’erba. Situato all’interno dell’omonimo quartiere di Londra, l’impianto di Wimbledon è stato inaugurato nel 1868, debuttando come circolo privato e ospitando il celebre torneo a partire dal 1877. In totale i campi da gioco sono 18, il più importante dei quali è il Centre Court, il campo centrale, dotato di 18 mila posti a sedere e munito di un tetto retraibile che garantisce lo svolgimento delle partite anche in caso di pioggia.

Altri importanti campi sono il Court 1, il secondo in termini di capienza, e il Court 2, campo che spesso è stato teatro di storiche sconfitte ai danni dei campioni a fine carriera, per questo motivo soprannominato come ‘Il cimitero dei campioni’. L’impianto tennistico ospita un suggestivo museo dedicato alla storia del tennis e offre la possibilità di una visita guidata all’interno dei campi, delle aree interne e degli spogliatoi. La struttura è raggiungibile attraverso la metropolitana di Londra, scendendo alla stazione di Wimbledon Park.

Categories: Cosa Vedere a Londra

Leave A Reply

Your email address will not be published.